ASSISTENZA INSERZIONISTI:

TEL ROMA 06.94800.774

FAX ROMA 06.94800.775

TEL MILANO 02.3031.6868 Fax 02.3031.6869

FAX MILANO 02.3031.6869

MAIL info@paginesalute.it

NEWS

Sfogo del viareggino Macchierini: "Ma non lascio Careggi"


OPERATORI E CENTRI

APRI - CHIUDI

Il mago dei trapianti va a Stoccolma: «Preso in giro ma non lascio Careggi».   «Mi hanno preso in giro; ero tornato in Italia perchè chiamato per un progetto innovativo, ma non ho avuto quello che mi hanno promesso. Vado a Stoccolma». Così Paolo Macchiarini, 51 anni, dopo aver eseguito due trapianti di trachea   FIRENZE - «Mi hanno preso in giro; ero tornato in Italia perchè chiamato per un progetto innovativo, ma non ho avuto quello che mi hanno promesso». Così Paolo Macchiarini, 51 anni, che pochi giorni fa ha effettuato i primi trapianti di trachea nel nostro Paese, ha deciso di accettare un incarico universitario e clinico al Karolinska Institutet di Stoccolma, «senza lasciare l´ospedale di Careggi» ha poi precisato.   LA DECISIONE - «Oggi ho deciso - spiega il chirurgo - inizierò a settembre la mia attività, soprattutto per i giovani che lavorano con me e potranno avere una prospettiva. Per le ricerche innovative che sto portando avanti - aggiunge - ho bisogno di finanziamenti e la Regione Toscana è l’unica che me li ha dati, ma c’è stata una chiusura evidente del mondo accademico fiorentino nel darmi un incarico. Possibile - dice Macchiarini - che non sono bastate 4 riunioni per decidere sul mio ruolo quando al Karolinska è stato sufficiente leggere il curriculum per darmi un incarico e all’University College di Londra per darmi la nomina a professore in chirurgia toracica? Mi chiedo se questo paradosso sia giustificato per tutti i giovani che fanno ricerca. Per il momento non abbandono l’ospedale di Careggi, valuterò le proposte di sviluppo e miglioramento per il mio lavoro».«La mia attività assistenziale al Careggi deve essere rivalutata alla luce degli impegni precedentemente presi un anno e mezzo fa - ha spiegato Macchiarini. Gli impegni erano assistenziali e universitari ma dall’università non è successo nulla. Per l’assistenza aspetto una conferma del progetto intrapreso e un miglioramento delle condizioni per svolgere il lavoro».   I DUE INTERVENTI ECCEZIONALI - La decisione arriva proprio alla vigilia della presentazione dei primi due trapianti di trachea in soggetti affetti da tumore maligno tracheale, unici al mondo per l’innovativa tecnica utilizzata, anche per l’uso di cellule staminali, che sono stati eseguiti con successo, il 6 e il 13 luglio scorsi, nell’azienda ospedaliera universitaria Careggi di Firenze, dall’equipe guidata proprio dal chirurgo Paolo Macchiarini. I due interventi sono anche i primi ad essere effettuati in Italia. Le pazienti sono una giovane inglese di circa 20 anni e una donna di 30 anni di nazionalità Ceca, madre di un bimbo di 5 mesi. A rendere eccezionale quanto avvenuto anche il fatto che nell’intervento sulla paziente inglese è stata eseguita, per la prima volta in Italia, una radioterapia intraoperatoria in corso di trapianto di trachea, coordinata dal professor Giampaolo Biti, per ridurre al minimo il rischio di recidive tumorali. Il decorso delle due pazienti non ha fatto registrare complicazioni: infatti, fanno sapere da Careggi, sono in fase di dimissione dall’ospedale e le loro condizioni sono «soddisfacenti».   LA REPLICA DI GENSINI - «Spiace leggere cose non vere da parte del professor Macchiarini proprio nel momento in cui si sono svolti con successo importanti interventi di trapianto di trachea grazie all’impegno di tutti i professionisti dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Careggi». È quanto scrive in una nota il preside della Facoltà di Medicina e chirurgia di Firenze Gian Franco Gensini rispondendo così alle parole Paolo Macchierini. In particolare Gensini contesta che non sia stato fatto niente per il rientro di Macchiarini nell’Ateneo. «L’Università ha le sue regole: fino a questo momento era previsto che il procedimento avviato dalla Facoltà su mia proposta per una chiamata diretta venisse ripreso non appena ne fossero esistite le condizioni amministrative e programmatorie - conclude Gensini -, che non riguardano soltanto l’Università di Firenze ma sono dettate dal contesto normativo e finanziario in cui opera oggi l’intera Università italiana».

Pubblicato il: 27/01/2011
Redazione: Pagine Salute


INSERISCI COMMENTO:

Inserire Username
Inserire Password
IMMAGINE:
VIDEO:
PDF:
Inserire Commento



NON SEI ANCORA ISCRITTO AL PORTALE? ISCRIVITI!

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA:


INVIA QUESTA NOTIZIA:
 

ACCEDI ALLA HOME PAGE TERRITORIALE DI:

CHIRURGIA TORACICA

 
 

REDAZIONALI CORRELATI:

EVENTI

IN PROGRAMMA
REALIZZATI

OPERATORI E CENTRI