ASSISTENZA INSERZIONISTI:

TEL ROMA 06.94800.774

FAX ROMA 06.94800.775

TEL MILANO 02.3031.6868 Fax 02.3031.6869

FAX MILANO 02.3031.6869

MAIL info@paginesalute.it

NEWS

Riabilitazione, a rischio il futuro dei quattro centri della Fondazione Padre Pio


OPERATORI E CENTRI

APRI - CHIUDI

“Quello che si profila per i quattro centri ambulatoriali di riabilitazione molisani facenti capo alla Fondazione Padre Pio Onlus di San Giovanni Rotondo è a dir poco sconcertante: cessione del ramo aziendale senza il coinvolgimento della Regione; 26 unità di personale rassicurate, per il momento, solo a parole; prestazioni sanitarie specialistiche che rischiano di essere tagliate e di arrecare ulteriori aggravi di spesa per gli utenti” . Queste alcune delle dichiarazioni inviate alla stampa locale in una nota da parte del vicepresidente del Consiglio regionale, Filippo Monaco, che ha deciso di presentare una interrogazione urgente sia al Presidente delle Regione sia all’assessore alle Politiche sociali per chiarire meglio la vicenda della cessione ad altra società dei quattro centri di riabilitazione di Termoli, Larino, Santa Croce di Magliano e Montenero di Bisaccia. “Sollecitato dal personale dell’Istituto Padre Pio, ma soprattutto dall’utenza, mi sono interessato della vicenda e, dai documenti alla mano, il quadro mi è apparso ancora più intricato: verbali di riunioni riguardanti la cessione aziendale cui la Regione Molise – che, nel 2012, tramite DCA n.64 ha accreditato e convenzionato gli ambulatori Padre Pio nel nostro territorio per una cifra che si aggira attorno al milione di euro – non ha mai partecipato; nuove società che si costituiscono e che acquisiscono rami aziendali di altre società senza che la parte pubblica venga interpellata; convenzioni ancora in piedi che non si sa che fine faranno; personale e utenti che non sanno se verrà mantenuta la loro professionalità e la cura delle loro patologie. Per queste ragioni ho inteso chiedere chiarimenti sia al Presidente della Regione-Commissario ad acta che ha ereditato,dal precedente governo regionale, l’accreditamento degli ambulatori, sia all’Assessore alle politiche sociali, il quale ha già incontrato sia i sindacati che alcuni lavoratori, affinchè questa intricata vicenda venga chiarita ma, ancor più, che a pagarne le spese non siano ancora una volta coloro che prestano la propria professionalità e gli utenti che, delle cure riabilitative, necessitano per poter vivere – conclude così la sua nota Monaco -”.

Pubblicato il: 19/12/2014
Redazione: Pagine Salute


INSERISCI COMMENTO:

Inserire Username
Inserire Password
IMMAGINE:
VIDEO:
PDF:
Inserire Commento



NON SEI ANCORA ISCRITTO AL PORTALE? ISCRIVITI!

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA:


INVIA QUESTA NOTIZIA:
 

ACCEDI ALLA HOME PAGE TERRITORIALE DI:

RIABILITAZIONE

 
 

REDAZIONALI CORRELATI:

EVENTI

IN PROGRAMMA
REALIZZATI

OPERATORI E CENTRI