ASSISTENZA INSERZIONISTI:

TEL ROMA 06.94800.774

FAX ROMA 06.94800.775

TEL MILANO 02.3031.6868 Fax 02.3031.6869

FAX MILANO 02.3031.6869

MAIL info@paginesalute.it

NEWS

Monito Oms: vaccinare i bambini


OPERATORI E CENTRI

APRI - CHIUDI

E´ allarme morbillo in Italia ma anche in Europa: la malattia infettiva che doveva essere definitivamente debellata entro la fine del 2015, continua a far paura e in alcuni casi a mietere vittime. Questo soprattutto a causa del crollo delle vaccinazioni riguardanti questa malattia. L´Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato questo allarme dopo che nel 2014 sono stati registrati in Europa oltre 22 mila casi di morbillo, con un´alta concentrazione soprattutto in Germania, dove pochi giorni fa è addirittura morto un bambino a causa di questa patologia. In Italia le cose non vanno meglio. Sono infatti 1.674 i casi di morbillo accertati, concentrati in sei Regioni in particolare: Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Lazio, Piemonte e Sardegna. La maggior parte delle persone che contraggono questa malattia hanno tra i 15 e i 39 anni. L´Oms ha fatto un accurato appello ai Governi nazionali per incentivare i vaccini. L´85% degli infettati nell´Unione Europea non risulta vaccinato. Ma prevenire è importante, soprattutto in questi casi perchè la malattia può provocare seri danni ai polmoni, al cervello o addirittura condurre alla morte. Sarebbe bene rendere il vaccino obbligatorio nei primi mesi di vita di un bambino. Proprio in merito al morbillo e al calo delle vaccinazioni, l’Italia ha avuto un richiamo da parte dell´OMS perché la copertura vaccinale ha raggiunto il livello più basso degli ultimi dieci anni. Oggi, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, in Lombardia la copertura è del 92,6% e nella Provincia Autonoma di Bolzano del 68,9%; le differenze regionali sono notevoli, tanto che la media nazionale si ferma all’88%, ben lontani dal 95% previsto dal piano per raggiungere l’eliminazione della malattia. La paura dei genitori e una cattiva informazione sarebbero alla base di questo crollo dei vaccini. Sulla base di alcune campagne particolarmente disinformative, sono sempre più i genitori che credono esista un legame tra il vaccino e l´autismo e per questo decidono di lasciar perdere e di far contrarre la malattia al proprio bambino. Ma siccome viviamo a stretto contatto con altre persone, prevenire è d´obbligo, vaccinarsi è un dovere civico e morale. Solo vaccinandosi tutti gli sforzi fatti dalla ricerca, nel corso degli anni, non saranno stati vani e porterenno alla scomparsa definitiva della patologia.

Pubblicato il: 28/02/2015
Redazione: Pagine Salute


INSERISCI COMMENTO:

Inserire Username
Inserire Password
IMMAGINE:
VIDEO:
PDF:
Inserire Commento



NON SEI ANCORA ISCRITTO AL PORTALE? ISCRIVITI!

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA:


INVIA QUESTA NOTIZIA:
 

ACCEDI ALLA HOME PAGE TERRITORIALE DI:

PREVENZIONE

 
 

REDAZIONALI CORRELATI:

EVENTI

IN PROGRAMMA
REALIZZATI

OPERATORI E CENTRI