ASSISTENZA INSERZIONISTI:

TEL ROMA 06.94800.774

FAX ROMA 06.94800.775

TEL MILANO 02.3031.6868 Fax 02.3031.6869

FAX MILANO 02.3031.6869

MAIL info@paginesalute.it

NEWS

Celiachia: un problema da donne


OPERATORI E CENTRI

APRI - CHIUDI

I dati parlano chiaro: le donne celiache sono il doppio degli uomini e, nella maggior parte dei casi, non ne sono neanche a conoscenza. Sono circa 400.000 le italiane affette da celiachia contro 200.000 uomini. Nel nostro Paese appena 115.000 donne hanno ricevuto la diagnosi e tutte le altre, oltre 280.000, sono del tutto indifese verso le complicanze della celiachia come osteoporosi o menopausa precoce, anemia, problemi di fertilità. Questo è uno degli obiettivi della Giornata internazionale della donna dell´8 marzo, AIC, l´associazione celiaci, pubblicherà la guida "Donna e Celiachia" realizzata dal Comitato scientifico dell´Associazione per aiutare le italiane a "riconoscersi" e capire se sono celiache pur non presentando i sintomi classici della malattia: la guida, scaricabile per tutti, è sul sito www. celiachia. it, sarà divulgata nei prossimi mesi anche in versione cartacea e verrà suddivisa ai medici di famiglia, per far affiorare quelle pazienti che ancora oggi sono all´oscuro della loro condizione. Ecco quanto dichiarato da Marco Silano, coordinatore del board scientifico di AIC: "Il 72% dei pazienti con celiachia è ancora in attesa della diagnosi. Soprattutto donne poiché la celiachia non di rado si manifesta nel sesso femminile con sintomi "atipici", non hanno neppure il sospetto di non tollerare il glutine. Anche le alterazioni del ciclo e l´amenorrea sono disturbi frequenti nelle donne celiache non diagnosticate, così come l´anemia da carenza di ferro che si manifesta in circa una celiaca su due. Una celiachia non riconosciuta, inoltre, aumenta il rischio di problemi in gravidanza". Gli fa eco Elisabetta Tosi, presidente dell´Associazione italiana celiachia: "La diagnosi di celiachia deve essere posta dal medico, ma la consapevolezza dei propri disturbi e una corretta descrizione dei propri malesseri al curante permetterebbero diagnosi più rapide e precise".

Pubblicato il: 05/03/2015
Redazione: Pagine Salute


INSERISCI COMMENTO:

Inserire Username
Inserire Password
IMMAGINE:
VIDEO:
PDF:
Inserire Commento



NON SEI ANCORA ISCRITTO AL PORTALE? ISCRIVITI!

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA:


INVIA QUESTA NOTIZIA:
 

ACCEDI ALLA HOME PAGE TERRITORIALE DI:

DONNA

 
 

REDAZIONALI CORRELATI:

EVENTI

IN PROGRAMMA
REALIZZATI

OPERATORI E CENTRI