ASSISTENZA INSERZIONISTI:

TEL ROMA 06.94800.774

FAX ROMA 06.94800.775

TEL MILANO 02.3031.6868 Fax 02.3031.6869

FAX MILANO 02.3031.6869

MAIL info@paginesalute.it

NEWS

Malattie reumatiche, un italiano su 10 ne soffre: giornata mondiale dei malati reumatici.


OPERATORI E CENTRI

APRI - CHIUDI

Da osteoporosi ad artrite reumatoide, esistono oltre 120 malattie reumatiche. In Italia ne soffre il 10% della popolazione, circa 5,5 milioni persone, anche bambini. Un trattamento tempestivo nelle prime fasi della malattia può ridurne molto l’impatto, permettendo al paziente di condurre una vita normale. Screening,  visite gratuite e una tavola rotonda con esperti in materia, domenica 16 ottobre ore 10-17 in Piazza San Silvestro a Roma Roma 12 ottobre 2016 - Quattro ospedali romani, una piazza in cui effettuare visite e screening gratuiti per adulti e bambini, una tavola rotonda con esperti aperta a tutti coloro che vogliono saperne di più. Così si è tenuto il 16 ottobre a Roma  la Giornata mondiale del Malato Reumatico, all’insegna dello slogan “LA PREVENZIONE E L’INFORMAZIONE CURANO E RASSICURANO”. L’iniziativa, promossa dall’Associazione Nazionale Malati Reumatici (Anmar) rientra nell’ambito degli eventi organizzati in occasione del World ARTHRITIS Day che si celebra il 12 ottobre, in tutto il mondo. Realizzata in collaborazione con la Società Italiana di Reumatologia (Sir) e con il Collegio dei Reumatologi Italiani ospedalieri (CReI), ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Salute e del Comune di Roma. Dolori articolari sempre più frequenti e intensi, insieme alla progressiva difficoltà nei movimenti, sono i sintomi più frequenti delle malattie reumatiche, che colpiscono oltre 5,5 milioni di italiani, circa il 10% della popolazione, con un costo complessivo pari a circa 5 miliardi l’anno. I dolori tendono a peggiorare nel tempo ma una diagnosi precoce, che consente di intervenire con terapie nei primi mesi dell’insorgenza della malattia, permette di rallentare i sintomi, fino ad arrivare in molti casi ad arrestarne la progressione, migliorando notevolmente la qualità di vita dei pazienti. Per offrire a tutti la possibilità di una diagnosi precoce, ma anche gli strumenti per una corretta prevenzione, nella Giornata Mondiale del Malato reumatico, medici e infermieri del Policlinico Gemelli, del Policlinico Umberto I, dell’Ospedale Santo Spirito e dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù sono stati a disposizione per consulti e screening gratuiti dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17. In un unico giorno e in un unico luogo, è stato possibile eseguire esami strumentali (densitometria ossea, ecografia articolare, capillaroscopia) con la possibilità di bypassare le lunghe attese per le prenotazioni e avere subito il responso. E’ stata offerta inoltre una consulenza reumatologica pediatrica. “Spesso queste malattie – spiega il presidente Anmar Onlus Renato Giannelli - sono accompagnate da dubbi ed incertezze dopo la comparsa dei primi sintomi, e tempi lunghi per una diagnosi corretta. L’iniziativa di domenica vuole aiutare a velocizzare questo percorso, perché intervenire prima può fare la differenza. Chi vuole potrà anche presentarsi con la propria cartella clinica relativa ad esami pregressi”. Per l’occasione, piazza San Silvestro, è stata allestita con strutture per accoglienza, primo consulto medico, screening e consulenze. Depliant e pannelli pronti a informare sulla malattia, per rendere i pazienti consapevoli e soprattutto coinvolti nelle scelte terapeutiche, passaggio fondamentale per migliorare l’efficacia delle cure. La giornata è stata inaugurata, alle ore 10.30, da una tavola rotonda aperta al pubblico durante la quale, sottolinea Silvia Tonolo, vicepresidente Anmar, “i pazienti, sia adulti che giovani, si sono confrontati con esperti e rappresentanti delle istituzioni per parlare di bisogni, necessità ma anche farmaci innovativi, rapporto medico-paziente, aderenza ed efficacia terapeutica. Vogliamo uscire da questo tavolo con delle risposte”. Alla tavola rotonda sono intervenuti: Renato Giannelli (presidente Anmar), Guido Valesini (professore ordinario di Reumatologia all’Università La Sapienza di Roma), Silvia Bosello (reumatologa del Policlinico Universitario A. Gemelli), Fabrizio De Benedetti (responsabile di Reumatologia Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma), Stefano Stisi (presidente del Collegio dei reumatologi Crel), Luigi di Matteo (consigliere della Società Italiana Reumatologia Sir), Maurizio Scassola, (vicepresidente dell’Ordine nazionale dei medici e degli odontoiatri Fnomceo), Luca Coletto (presidente Agenas), Tonino Aceti (coordinatore Tribunale Diritti del Malato Cittadinanzattiva), Vito De Filippo (sottosegretario alla Salute), Teresa Petrangolini (consigliere regionale del Lazio, componente Commissione Politiche sociali e salute). SIlvia Tonolo:   Slivia Bosello, Reumatolga policlinico Gemelli:   Stefano Stisi, Presidente collegio reumatologi Crel:   Fabrizio De Benedetti, Responsabile Reumatologia ospedale Bambino Gesù:   Maurizio Setti, relazioni associazioni pazienti Roche:   Tonino Aceti, responsabile nazionale Tribunale Diritti del malato / Cittadinanzattiva:   Un’attenzione particolare è stata riservata ai giovani, nell’obiettivo di scalzare l’ancora vigente pregiudizio culturale che associa erroneamente le malattie reumatiche all’età avanzata. Nella piazza, infatti, è stato allestito anche un corner ANMAR Young, per favorire il confronto tra pazienti giovani adulti (18-35 anni). Sono state presentate alcune loro testimonianze raccolte in un opuscolo creato nell’ambito del progetto di medicina narrativa “Keep calm and tell me your story!”, una campagna di storytelling finalizzata a offrire uno spaccato quanto più completo possibile della vita dei giovani con patologie reumatiche. La Giornata è stata promossa in collaborazione con il Network “Malati Reumatici in RETE”:  ABAR – Ass. Bresciana AR e LES (Brescia), A.B.A.R.TU - Ass. Bambini Adolescenti Reumatici (Firenze), AIFP – Ass. Italiana Febbri PeriodichE, AISF – Ass. Italiana Sindrome Fibromialgica, AISpA – Ass. Italiana Spondiloartriti OnluS, AMREI – Ass. Malattie Reumatiche Infantili (Roma), AMRI – Ass. per le Malattie Reumatiche Infantili (Genova), ANAP – Asso. Nazionale gli Amici per la Pelle (Torino), ANMAR – Ass. Nazionale Malati Reumatici Il Volo - Reumatiche Infantili Veneto, AS.MA.RA Onlus Sclerodermia "Elisabetta Giuffrè", ASSMAF – Ass. Sclerosi Sistemica e delle malattie Fibrosanti (Firenze), ATMAR – Ass. Trentina Malati Reumatici, FEDIOS- FEDerazione Italiana Osteoporosi, GILS – Gruppo Italiano Lotta alla Sclerodermia, Gruppo Italiano LES, Il Volo - Reumatiche Infantili Veneto, Rheuma Liga Alto Adige, SIMBA – Ass. Italiana Sindrome e Malattia di Behcet. I NUMERI DELLE MALATTIE REUMATICHE Croniche e invalidanti, le malattie reumatiche e immunoreumatiche sono più di 120 e sono molto diverse fra loro. Tra le più comuni sono artrite reumatoide, spondilo artropatie, sclerodermia, osteoporosi, artrite, Lupus eritematoso sistemico, artrosi, artrite psoriasica e diverse malattie reumatiche infantili. Le accomuna tutte il dolore di diversa entità alle articolazioni, in primis le mani, e la ridotta capacità funzionale dell’articolazione stessa. Se non curate adeguatamente e nei tempi giusti, dopo 10 anni circa il 50% delle forme più severe va incontro ad una invalidità permanente. Una diagnosi precoce è fondamentale, perché le terapie oggi disponibili, sia farmacologica che riabilitativa e chirurgica, consentono di migliorare la prognosi e di conseguenza la qualità della vita dei malati. In Italia ne soffrono oltre 5,5 milioni di persone, tra cui anche bambini e spesso costringono chi ne è affetto a dover affrontare disagi nelle relazioni, con una sensibile riduzione della qualità della vita, oltre a dover spesso abbandonare il lavoro: basti pensare che, ogni quattro pensioni di invalidità concesse in Italia, una è dovuta a malattie reumatiche. Altissimi i costi umani e individuali, ma anche l’impatto economico delle malattie reumatiche croniche in Italia: la spesa supera i 4 miliardi di euro l’anno, di cui quasi la metà – 1 miliardo 739 milioni – sono rappresentati dalla perdita di produttività per circa 287mila lavoratori malati. Il restante sono costi diretti, quali quelli sostenuti per visite specialistiche, esami radiologici e di laboratorio, ricoveri, farmaci (indagine Osservatorio Sanità e Salute, 2008). Circa 900.000 persone sono colpite da artrite reumatoide e spondilo artropatie, che comportano un’invalidità maggiore perché colpiscono persone più giovani In entrambi i casi una diagnosi e una terapia precoce (nei primi 3-6 mesi) permette una migliore risposta alle terapie e in più del 50% dei malati oggi può raggiungere una remissione stabile della patologia, grazie ai farmaci biologici. In particolare l’artrite reumatoide ogni anno è responsabile di oltre 13 milioni di giornate di assenza dal lavoro e i costi diretti ammontano a circa 1 miliardo 400 milioni l’anno mentre quelli indiretti riconducibili alla perdita di produttività sono pari a 981 milioni di euro.  Le spondilo artropatie, invece, sono un gruppo di malattie reumatiche che colpisce in prevalenza in età giovanile e sono responsabili di oltre 10 milioni di giornate di assenza dal lavoro. In questo caso i costi diretti ammontano a circa 950 milioni l’anno; quelli indiretti riconducibili alla perdita di produttività sono pari a 758 milioni di euro. DA OSTEOPOROSI A ARTRITE REUMATOIDE, OLTRE 120 TIPI DI MALATTIE REUMATICHE Le malattie reumatiche colpiscono il 10% degli italiani. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sono la prima causa di dolore e disabilità in Europa e al secondo posto, dopo quelle cardiache, per conseguenze invalidanti e per danni sociali dovuti alle migliaia di giornate di assenza lavorativa provocate. Chi ne soffre deve fare i conti con dolore e disabilità, e nelle forme più gravi vede compromessa la possibilità di avere un’occupazione, frequentare gli amici, farsi una famiglia. Queste le più comuni: L'osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da ridotta massa minerale e deterioramento del tessuto osseo, con conseguente aumento del rischio di fratture. In Italia ne soffre il 13% della popolazione, e dopo i 50 anni colpisce una donna su 3 (in quanto peggiora con gli ormoni della menopausa) e un uomo su 5 (in particolare dopo le terapie per tumore alla prostata). Ogni anno nel nostro Paese si stima che causi circa 100.000 fratture di polso e 60.000 fratture di femore. Una prevenzione basata su dieta corretta e regolare attività fisica possono ridurre significativamente i rischi di fratture. L’artrosi, la più frequente malattia reumatica cronica e degenerativa, colpisce quasi 4 milioni di italiani e rappresenta un’importante causa di disabilità per milioni di persone, tanto che secondo l’OMS circa il 25% degli adulti sopra i 25 anni è affetto da disabilità e dolore collegati a questa malattia. L’artrosi oggi non è più considerata una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento, ma piuttosto una malattia che si può prevenire e curare mediante interventi di correzione dei fattori di rischio, diagnosi precoce e appropriatezza terapeutica. La sclerodermia è una malattia di tipo autoimmune, dovuta cioè alla presenza di una reazione immunitaria diretta contro gli stessi tessuti dell’organismo, chiamata anche Sclerosi Sistemica. Patologia rara, ma non rarissima, è poco conosciuta, colpisce soprattutto le donne. La caratteristica clinica più evidente è l’indurimento e l’ispessimento della cute in zone più o meno estese della superficie corporea. La fibrosi della cute (ovvero l’aumento del tessuto connettivo che circonda i tessuti) può nel tempo estendersi anche agli organi interni, in particolare l’apparato gastrointestinale, polmoni, reni e cuore. Alla fibrosi si associano caratteristiche alterazioni dei vasi sanguigni, soprattutto a livello dei capillari delle mani. L’artrite reumatoide è malattia infiammatoria progressiva e invalidante, che colpisce circa 350mila persone in Italia, più frequentemente le donne tra 40 e 50 anni. E’ dovuta a una reazione autoimmunitaria, durante la quale cellule immunitarie si rivoltano contro lo stesso organismo e generano infiammazione distruttiva diretta contro le articolazioni e gli organi interni. Entro dieci anni dalla diagnosi la metà dei pazienti risulta inabile a svolgere mansioni quotidiane e a lavorare, quasi uno su 5 è costretto a sottoporsi ad interventi chirurgici. La sfida della scienza è quella di arrivare alla remissione completa della malattia ma per ora si può parlare di una remissione (in un 20% dei pazienti) che non può fare a meno del mantenimento della terapia farmacologica. Di recente nuove prospettive di cura, sono state aperte da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications. I ricercatori dell’Università Cattolica e il Policlinico Gemelli hanno scoperto un ‘grilletto molecolare’ che attiva la sintesi di anticorpi nocivi: è il micro-RNA155 che, se presente in eccesso riduce la presenza della molecola Pu-1 aumentando i processi infiammatori. L’artrite psoriasica è una malattia infiammatoria autoimmune delle articolazioni (caratterizzate da dolore, gonfiore, calore, rigidità articolare e a volte arrossamento) associata alla presenza di psoriasi cutanea o alla familiarità per psoriasi. La malattia colpisce in percentuale lievemente superiore il sesso maschile e la maggior parte dei pazienti manifesta la malattia fra i 30 e 50 anni. Nella maggioranza dei casi (75%) la psoriasi precede la comparsa di artrite; più rara è l’insorgenza contemporanea del coinvolgimento articolare e cutaneo (15%) mentre ancora meno frequente è la comparsa dell’artrite prima della psoriasi. Il lupus eritematoso sistemico è una malattia infiammatoria autoimmune e relativamente rara, classificata fra le connettiviti sistemiche. E’ più frequente nelle giovani donne ed ha alcuni fattori predisponenti di tipo genetico, ormonale (ormoni sessuali femminili) e ambientale (infezioni virali, raggi ultravioletti). Si presenta in maniera estremamente varia ed è caratterizzato da periodi di relativo benessere alternati a fasi di malattia attiva, spesso accompagnati da febbre, stanchezza, perdita di peso. La spondiloartrite è un’infiammazione che interessa le piccole articolazioni vertebrali della colonna vertebrale, spalle e anche. Alle spondiloartriti appartengono differenti patologie tra le quali: la spondilite anchilosante (che colpisce caratteristicamente i giovani adulti di età tra i 20 e i 30 anni), spondiloartrite psoriasica, spondiloartrite associata al morbo di Crohn. Nella maggior parte di queste patologie la lombalgia è uno dei sintomi principali.

Pubblicato il: 12/10/2016
Redazione: Pagine Salute


INSERISCI COMMENTO:

Inserire Username
Inserire Password
IMMAGINE:
VIDEO:
PDF:
Inserire Commento



NON SEI ANCORA ISCRITTO AL PORTALE? ISCRIVITI!

CONDIVIDI QUESTA NOTIZIA:


INVIA QUESTA NOTIZIA:
 

ACCEDI ALLA HOME PAGE TERRITORIALE DI:

RIABILITAZIONE

 
 

REDAZIONALI CORRELATI:

EVENTI

IN PROGRAMMA
REALIZZATI

OPERATORI E CENTRI